Logo Vario

Festa per il bicentenario del Teatro Marrucino

Il Teatro Marrucino di Chieti si appresta a celebrare il suo primo bicentenario. Duecento anni che lo hanno reso fulcro della vita culturale abruzzese e lo hanno fatto assurgere a un ruolo di prim’ordine nella storia del teatro italiano. Per degnamente celebrare il traguardo, una straordinaria opportunità che si riverbera sulla città e sull’intera regione, il Sindaco di Chieti,
Umberto Di Primio, ha voluto costituire un Comitato Organizzatore composto dal CdA della Deputazione Teatrale, presieduta da Cristiano Sicari e composto da Paolo De Cesare e Annalisa De Matteo, dal Prefetto di Chieti, Antonio Corona, dal Vice Presidente del Csm, Giovanni Legnini, dal Sottosegretario Federica Chiavaroli, dall’On. Fabrizio Di Sfefano, dal Presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso, dal Direttore della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio d’Abruizzo, Rosaria Mencarelli, dal Presidente di Confindustria Chieti-Pescara, Gennaro Zecca, dal presidente della Camera di Commercio di Chieti/Pescara, Roberto Di Vincenzo, dal Presidente della Provincia di Chieti, Mario Pupillo, dal Rettore dell’Università d’Annunzio, Sergio Caputi, dall’Arcivescovo Metropolita Chieti/Vasto, Bruno Forte, dal Consigliere regionale, Mauro Febbo, da Aurelio Bigi, già commissario straordinario del Teatro Marrucino e Paolo Roccioletti ex presidente del CdA della Deputazione Teatrale che, per qualità e prestigio dei suoi componenti, avrà il compito di curare la regia dell’importante momento celebrativo.

A proposito di noi

Vario è una rivista che da oltre venti anni racconta l'Abruzzo valorizzandone le eccellenze nei diversi settori: quello culturale, economico, ambientale, produttivo e sociale. Un taglio giornalistico moderno, sobrio ed esaustivo e un'alta qualità delle immagini ne fanno uno strumento indispensabile per conoscere meglio questa regione in crescita.
  

Come trovarci

Ultimi Articoli

Newsletter

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del d.lgs. 196 del 30 giugno 2003.